Com’è romantica la nebbia

Cara Virginia, stamane c’era la nebbia. Quella che una volta definiva Milano, e che ora compare solo ogni tanto, facendo ricordare quei tempi in cui era normale.
A me, cara Virginia, la nebbia piace. Soprattutto la sera. Mi piace come avvolge e attutisce, come addolcisce i contorni e sembra modificare la realtà. Stasera c’erano i marciapiedi bagnati e le luci soffuse con degli aloni di un giallo caldo. Stasera era gennaio inequivocabilmente, ma con una dolcezza insolita. Veniva voglia di camminare, di fare una passeggiata come quelle dei romanzi, in cui ci si dice finalmente la verità e si dipanano trame costruite per centinaia di pagine.
Ma è bello anche stare sul divano con la coperta e un libro e una tisana, in una sera di nebbia.
Si, la nebbia mi piace.
Antonia, in the mood for love

Cara A, per me la nebbia ha soprattutto un odore. Ricordo  la prima volta che la vidi: ebbi una forte sensazione di stordimento; non vedevo più la parete del palazzo di fronte e questo non mi aveva fatto un’impressione granchè positiva. Cominciavo anche ad essere miope, per di più. Poi cominciai ad annusare l’aria che mi sembrava spessa, quasi un effetto teatrale. Questo non mi spaventò per nulla. Scoprii l’odore di questo mantello magico. Da allora associo la nebbia ad un film in bianco e nero, di qualsiasi genere. Con qualche elemento magico, per l’appunto.
V.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s