La Valle dei Segni: che accoglienza!

Cara Virginia, come ti senti appena tornata da Multimedia Land?

E’ stata una bella scoperta. E così a botta calda, come si dice, posso dirti che mi ha colpito l’accoglienza calda con cui siamo state ricevute e portate in giro. Al punto che il digital divide che li penalizza è diventato irrilevante. Perché dopotutto si possono sempre prendere appunti, e soprattutto usare la memoria, con i suoi sedimenti e le sue distorsioni, che è quella che ci sostiene quando vogliamo raccontare una storia. Che è stato il tema del convegno Valcomunica e che è quello che dobbiamo fare  per vincere il Premio “Valle Camonica, trova il tuo segno”: sì, ricorreremo a tutti i mezzi, beninteso online, per raccontare la Valle dei Segni, e poi chiedere a lettori, amici, conoscenti e anche sconosciuti incontrati per strada, o anche in Val Camonica, di votarci sulla pagina FB di Multimedia Land.

Io le incisioni rupestri non le avevo mai viste. Ma se sono tutte così sono meravigliose!

Io le incisioni rupestri non le avevo mai viste. Ma  sono meravigliose!

Intanto siamo contente di avere scambiato qualche parola con Maria Grazia Mattei, ideatrice di “Meet the Media Guru”, una bellissima iniziativa che frequentiamo con grande piacere e di cui abbiamo anche parlato in un nostro articolo, e di aver conosciuto un sacco di altre persone interessanti, a cui ci permettiamo di promettere un ringraziamento nei prossimi giorni.

Un grazie di cuore invece da subito a Giada e Marta, che ci hanno invitato, accolto e guidato per questi due giorni. E alla Val Camonica tutta, ovviamente.

Yours Antonia

Cara Antonia, concordo su tutta la linea! Il mio ringraziamento di oggi è visivo….solo per cominciare a solleticare la curiosità dei nostri lettori e delle nostre lettrici  sui segni che semineremo nei prossimi post.

spongada_valle_camonica

La spongada camuna: solo metà, perchè l’altra è già sparita…

Advertisements

3 thoughts on “La Valle dei Segni: che accoglienza!

  1. Pingback: Assaggi dalla Valle Camonica | piumedoca

  2. Pingback: La valle dei segni: le incisioni rupestri ovvero il senso della memoria | piumedoca

  3. Pingback: La valle dei segni: l’udito ovvero il senso dell’accoglienza | piumedoca

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s