Ghiaccio e foglie secche sull’orlo del lago

Cara Virginia, ieri dopo un po’ di tempo sono tornata in montagna. Mezza montagna, per essere precisi, dato che eravamo sulle pendici del monte Legnoncino, sopra Colico, alla fine del lago di Como.

Lago di Como in inverno

Lago di Como in inverno

Era una giornata gloriosa, di sole scintillante, e sotto di noi il lago era scuro e immobile, con i suoi contorni che, con quella distanza e limpidezza, si delineavano con esattezza. Abbiamo camminato dentro un bosco, a tratti le foglie secche crocchiavano sotto i nostri passi. E c’era il ghiaccio.

una cascatella ghiacciata

Una cascatella ghiacciata

Erano ghiacciate anche le cascatelle più innocue, il fango schiacciato dal trattore lungo il sentiero, le felci dentro una fontanella, i ruscelli avevano una crosta spessa sotto la quale scorreva dell’acqua. E tutto questo ghiaccio ci ha accompagnato immobile per tutta la gita, non si è mai sciolto, non si è spezzato. Mandava un messaggio chiaro di inverno arrivato all’improvviso ma arrivato per restare, di montagna destinata solo al passaggio, di natura che ti mette in guardia.

Eppure è stato bello. Guardare l’orlo del lago sotto di noi. Immaginare una vita estiva negli alpeggi. Vedere gli abeti bianchi che poi sono verdi. Mangiare un panino conservatosi fresco e la cioccolata croccante offerta delle compagne di gita. Guardare il crepuscolo annerire il lago. Accendere al massimo il riscaldamento in macchina. E pensare alla doccia bollente al rientro…

Sentierando mi ha accompagnato come sempre, grazie!

Walking Antonia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s