Parole parole parole…

Cara Virginia, oggi c’è il sole e non ho voglia di disquisire su cose importanti o di parlare di libri (di cui non mi stancherei mai ma forse si stancherebbero i nostri lettori).

Allora ho pensato a una vignetta dei Peanuts ed è venuta una parola.

Parola che è un parolone. Compromesso storico (ci vuole una certa età per ricordarselo, e ricordarsi quante discussioni ha generato). La vita è tutta un compromesso: non sono d’accordo, ma una certa attitudine al compromesso garantisce la sopravvivenza. Compromettente: brutta parola, nessuno vorrebbe fare qualcosa di compromettente o ritrovarsi in una situazione compromettente, che non vuole più dire aver fatto un compromesso ma essere compromessi…

E poi c’è la magnifica interpretazione di Lucy, trovata sulla pagina Facebook Le frasi più belle di Snoopy, che ringrazio per essere una fonte inesauribile di piacere e ispirazione, https://www.facebook.com/pages/le-frasi-piu-belle-di-snoopy/117084304975335.

A te cosa evoca compromesso, Virginia?

Yours slightly silly Antonia

Cara Antonia, a me la parola evoca più la promessa che non il danno che il termine sembra arrecare alla reputazione, sotto forma di aggettivo. Però a me piace negoziare e trovare alternative: qualcuno lo chiamava problem solving. Che di problemi se ne parano sempre tanti e forse andare al mare con gli sci non è poi una cattiva idea. Non si sa mai!

V.

Advertisements