Letti davvero o per finta?

Cara Virginia, eccomi a sottoporti un quizzettino che viene dai nostri amici di Finzioni e prima ancora dallo stimato The Guardian.

L’articolo del Guardian ha avuto ben 1263 commenti (noi ci accontenteremmo di 3 o 4…).

Una bella libreria di una bella casa dove sarebbe bello fermarsi a leggere

Una bella libreria di una bella casa dove sarebbe bello fermarsi a leggere

Pare che ci sia un sacco di gente che dice di aver letto libri che in realtà non ha letto affatto. Qualche volta li ha nella libreria: del resto anche a te sarà capitato che ti chiedano, guardando i tuoi libri, ma li ha letti tutti? Che fa pensare a uno che ti guarda nella dispensa o nel frigorifero e ti dice: ma lo mangerà tutto quel cibo? Claro che sì…

In ogni caso ecco la lista del Guardian, con tanto di percentuali:

Io confesso fin da subito di non aver letto Il signore degli anelli (nè rientra tra i miei progetti leggerlo), Il buio oltre la siepe e di aver cominciato Grandi speranze (ma non ho troppa speranza di finirlo, avendolo scelto in inglese e trovandolo piuttosto ostico).

E tu Virginia?

Curious Antonia

Cara Antonia, eh eh la domanda è ardua. Della lista ho iniziato due volte Guerra e Pace e non son andata mai oltre la trentesima pagina; stessa sorte per il Signore degli anelli. Dopo aver visto il film tratto da Il buio oltre la siepe, ho avuto per anni il terrore di leggerlo e quindi non l’ho mai letto. Confesso di aver letto tutti gli altri, ma troppo presto nella mia vita di lettrice e quindi ricordo poco. Quindi li ho letti per finta? Da qualche parte, nella memoria, saranno…

Lanciamo  il nostro sondaggio personale su titoli più nazionali? E lasciamo che le nostre amiche e i nostri amici aggiungano a piacere il titolo che gradiscono?

Virginia

Advertisements

Invidia: la long list del Booker Prize

Manbooker longlist

Una bella composizione delle copertine della long list del Man Booker Prize

Cara Virginia, sfogliando il Guardian (sull’iPad, quindi parliamo di uno sfoglio virtuale, che preferisco di gran lunga, dato che trovo la carta di giornale insopportabile per le mani) sono capitata su un articolo che descriveva la long list del Man Booker Prize, come la più sperimentale e audace degli ultimi anni. Premesso che il Booker Prize è lo Strega dei britannici. Premesso anche che i britannici avevano un impero (anche noi, ma troppo tempo fa), che la loro lingua è la più parlata al mondo (forse ora è lo spagnolo, ma in termini di circolazione culturale, peso specifico, denaro associato e potere con ci sono paragoni), che ai sottoposti del loro impero hanno insegnato l’inglese, la long list è al 90% di libri di sconosciuti, provenienti dai luoghi più impronunciabili del mondo come lo Zimbawe, ed è quindi una scoperta nel senso più letterale del termine. Alcuni non sono ancora usciti, altrimenti li avrei comprati tutti.

la gallery delle copertine della long list sul Guardian

E hanno delle copertine così belle che comprerei le copie di carta, se non avessi già troppi libri, troppo poco tempo eccetera. Ma non mi farò mancare uno degli ebook della lista, per un’estate e un autunno di rigenerante lettura.

NoViolet Bulawayo, We Need New Names, la mia copertina preferita

NoViolet Bulawayo, We Need New Names, la mia copertina preferita

Tra le righe, ci puoi leggere un po’ di invidia. E la personale considerazione che la nostra letteratura, tra cui non mancano perle e anche zaffiri e rubini, soffra in questo momento della stessa paralisi mentale di cui soffrono le nostre istituzioni, molte nostre aziende e molti nostri connazionali.

Che questa lista sia di esempio di come, alla lunga e con fatica, il contributo di chi viene da una cultura diversa non è solo prezioso e vitale, ma l’unica condizione della sopravvivenza della specie.

Reading Antonia